Il ringraziamento ai Volontari della Croce Rossa Italiana di Sansepolcro impegnati nell’emergenza Covid-19

Siamo qui per servire, senza se e senza ma, quella forza incredibile e ineguagliabile che è il nostro Volontariato, nota a tutti con il payoff #UnItaliacheAiuta!



Carissimi Volontari, Volontari Temporanei, Dipendenti.

Nessuno di noi potrà mai dimenticare l’esperienza umana e sociale che ci ha accompagnato nei mesi critici di diffusione della pandemia da coronavirus. Ci siamo trovati ad affrontare le difficoltà di un passaggio epocale di emergenza e a dover superare imprevedibili complicazioni e ostacoli.

Sin dall’inizio dell’allerta Covid-19, siete scesi in campo in modo capillare su tutta la Valtiberina e avete certamente fatto la differenza.

Sempre in prima linea nelle ambulanze e a fianco del personale sanitario, siete stati da esempio alla stessa stregua di quelli che hanno contribuito allo svolgimento di tanti servizi solo apparentemente più “semplici”, ma non meno importanti. Tutti avete contribuito a fronteggiare l’emergenza donando il sangue, aiutando gli anziani, diventando “volontario temporaneo” per far fronte alle tante necessità del Paese. Ma, soprattutto, essendo forti e resilienti.

Le idee che ci guidano sono state il faro in questi momenti bui che abbiamo trasformato in una nuova rivoluzione, quella del “Tempo della Gentilezza”. Abbiamo intensificato su tutto il territorio di competenza i servizi per le persone più vulnerabili e con maggior fragilità sociali e sanitarie. Mi riferisco alla spesa a domicilio, al trasporto sociale, alla consegna dei farmaci e dei beni di prima necessità, alla distribuzione delle mascherine porta a porta e on the way, ai servizi di assistenza nelle scuole superiori durante gli esami di stato.

Ora che possiamo cercare di guardare avanti, non posso dimenticare che nella complessa gestione di questa fase la Valtiberina ha potuto contare sull’impegno prezioso e generoso di tutti voi.

Ciascuno ha fatto la propria parte, con un’ammirevole disponibilità e tutti assieme possiamo constatare che se nella nostra vallata gli effetti peggiori del virus sono stati contenuti lo si deve anche a questo grande sforzo collettivo in un lavoro quotidiano nel quale si sono spese così tante energie.

La diffusione dell’emergenza Covid-19 è coincisa con la mia riconferma alla presidenza della Croce Rossa Italiana di Sansepolcro, per me un grande onore e un’enorme responsabilità. Una riconferma con la quale avete scelto chi essere, decidendo con forza e senza ombra di dubbio dove andare, guardando al futuro e non al passato, affrontando le sfide umanitarie del Terzo Millennio. Siamo pronti, decisi, entusiasti e lo abbiamo dimostrato in questa emergenza globale. Ce lo confermano gli attestati costanti di stima, affetto e riconoscenza della gente comune.

John Fitzgerald Kennedy ha detto: “Dobbiamo trovare il tempo per fermarci e ringraziare le persone che fanno la differenza nelle nostre vite”. Ed è per questo che io oggi vi dedico un sincero, profondo ed immenso grazie!

Abbiamo improntato il nostro agire senza mai utilizzare il costrutto formato dal verbo stare più il gerundio e il futuro semplice, rispettando e difendendo i sette Principi Fondamentali del Movimento Internazionale di Croce Rossa, che costituiscono il nostro spirito e la nostra etica: Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontarietà, Unità e Universalità. La Croce Rossa Italiana è un punto di riferimento, mai come oggi.

Siamo qui per servire, senza se e senza ma, quella forza incredibile e ineguagliabile che è il nostro Volontariato, nota a tutti con il payoff #UnItaliacheAiuta!

Cav. Biagio La Monica